Da cosa si produce

UN POTENZIALE NASCOSTO

Le biomasse impiegate per la produzione di biogas possono avere origini differenti, e possono essere:

 

icona_dacosasiproduce

Biomasse Vegetali  di scarto o provenienti da coltivazioni a scopo energetico.

Un esempio tipico è l’utilizzo di trinciato di mais (materiale con un’ottima resa di trasformazione in biogas).

  • Interessante per aziende agricole con disponibilità di ettari da dedicare allo scopo energetico.

 

icona2_dacosasiproduce

 

Liquami Zootecnici di origine bovina, suina e ovina.

Oltre a costituire un’importante fonte di reddito, migliora lo spandimento nei terreni dal punto di vista olfattivo e igenico-sanitario.

Il fango residuante igienizzato (digestato) può essere stoccato ed impiegato a scopo agronomico.

  • Interessante per allevamenti con dimensioni significative.

 

icona3_dacosasiproduce

Scarti di origine animale disciplinati dal Regolamento CE 1774/2002, quali ad esempio il contenuto ruminale, le parti molli e il sangue provenienti  dai macelli.

  • Interessante per le strutture di macellazione, che spesso non hanno a disposizione idonei impianti di smaltimento.

 

icona4_dacosasiproduce

Rifiuti Urbani detti anche F.O.R.S.U. (frazione organica rifiuti solidi urbani) provenienti dalla  raccolta differenziata; si tratta della frazione organica (umido), che normalmente viene destinata agli impianti di compostaggio presenti nel bacino territoriale; la digestione anaerobica, è una tecnologia complementare e non alternativa al compostaggio e permette di utilizzare al meglio le possibilità di recupero di materia ed energia del rifiuto.

icona5_dacosasiproduce

Fanghi di natura organica, provenienti ad esempio da industrie alimentarie lattiero-casearie; analogicamente ai rifiuti umidi urbani, la digestione anaerobica è funzionale ad ottimizzare i processi di recupero di queste categorie di rifiuti.